Il Mixer Audio…Cos’è, a cosa serve e quale scegliere?

Come di consuetudine, ben ritrovati su un nuovo articolo!

Questa volta analizziamo nel dettaglio cosa sono i mixer audio e a cosa servono nel nostro studio di registrazione.

Ma come sempre partiamo dall’inizio spiegando le varie differenze con altri controller audio e dando come sempre i nostri pareri personali sull’oggetto.

Quello che voglio precisare più che altro è il fatto che come in altri articoli, qui stiamo parlando in generale della registrazione di strumenti tramite appositi sistemi (appunto il mixer è uno di questi) , ma se te ne sei perso qualcuno ti consiglio di dare un occhiata qui:

Detto questo direi di non perderci in chiacchiere e di iniziare!

Cos’è un mixer audio?

Il mixer audio è un controller audio come tanti altri (vedi scheda audio, MIDI ecc.), con la particolarità che quest’ultimo a differenze degli altri comuni controller audio, possiede una vasta scelta di effetti ed è un gestore dell’audio a 360°.

Per fare un esempio, un mixer è in grado di gestire molti strumenti collegati anche contemporaneamente e insieme a questo gestirne l’audio a suo piacimento.

Dal mixer è possibile aumentare, abbassare e persino modificare i vari canali audio a lui collegati.

Ovviamente sul mercato non esiste un solo tipo di mixer, eheh troppo comodo, ma come per ogni cosa, esistono centinaia e centinaia di modelli diversi.

La domanda come sempre sorge spontanea, ovvero:

Come faccio a sapere quale modello prendere e soprattutto perchè prediligerlo rispetto ad un’altro?

Come di consuetudine arrivati a questa parte di articolo, il mio suggerimento è quello di leggere tutto il resto per portarti il più vicino possibile alla scelta che più si addice a te.

Differenze con diversi modelli:

Come già detto non esiste “il mixer”, ma tantissimi modelli diversi dello stesso.

La prima cosa da sapere è la seguente, la principale differenza tra due grandi sottocategorie:

  • mixer da regia
  • mixer da dj.

Innanzitutto la principale differenza è il loro differente scopo.

Il primo modello nasce proprio per la regia, ovvero permette la gestione di circa 40 canali alla volta, e il loro reindirizzamento verso equalizzatori audio e vari altri controller per la gestione degli effetti audio.

Il suo scopo appunto è dedicato alla regia e ad i grandi studi di registrazione che devono gestire in modo professionale l’audio di vari strumenti collegati ad esso e anche della modulazione della voce.

A differenza il mixer da dj è molto più piccolo di un mixer da regia, ovviamente perchè il suo scopo non è gestire un intera orchestra come invece deve fare quello da regia.

Il mixer da dj presenta un massimo di 8 canali audio per volta, e al loro interno contengono un gestore di effetti che permette al dj che lo sta usando di aggiungere effetti alla canzone che sta mixando in quel momento.

Viene chiamato così per il semplice abbinamento che si fa ai dj che senza l’uso di quest’ultimo non possono mixare niente.

In genere un mixer, sia da dj che da registrazione, riesce a gestire frequenze audio di 100kHz.

Senza dubbio sono frequenze molto alte che una classica scheda audio può solo lontanamente sognare di gestire, anche perché la suddetta non ha la stessa funzione del mixer, ovvero non può modulare i suoni, ma solo gestirli.

Appunto per questo la scelta deve essere ponderata per ciò che si sta andando a comprare, per innanzitutto evitare di spendere denaro, e in secondo luogo evitare di trovarsi un hardware molto potente, come nel caso di un mixer, sprecato magari per registrare un solo strumento.

Proprio per questo ci sono qua io! 😉

Il loro scopo è ben diverso infatti anche il loro costo è nettamente diverso.

Un mixer da regia può arrivare anche a costare intorno ai 3000 euro circa, mentre un comune mixer da dj non supera i 200 euro circa di costo, riferendosi prettamente a marche di alto livello, infatti un mixer da dj per uso comune è possibile reperirlo anche per 50 euro circa.

Una notevole differenza, che dici?

Ovviamente però non sta a me decidere quale prendere, ma non c’è bisogno che ti consigli ovviamente un comune mixer da dj, poiché a meno che non lo si debba usare per usi professionali, un normale mixer da dj è più che sufficiente come controller audio.

Di seguito un classico esempio di mixer audio reperibile sul mercato.

Un altra cosa importante da dire è sicuramente il fatto che esistono vari software audio per la gestione appunto dell’audio che fungono da mixer, ma per funzionare appunto necessitano per lo meno di una scheda audio che colleghi quello che si vuole registrare/mixare per poi modulare il tutto tramite il software.

Visto appunto che comunque il tutto necessita minimo di una scheda audio per collegare gli strumenti, è consigliabile  a questo punto l’acquisto diretto del mixer, che gestisce entrambe le cose.

Potrei fare un’ennesima classifica sui migliori mixer da dj e da regia reperibili sul mercato, basandomi come di solito, sul rapporto qualità/prezzo, ma effettivamente sarebbe poco utile poiché apparte la vasta scelta sul mercato, sarebbe inutile anche per il semplice fatto che basta fare una semplice ricerca su google, e scegliere un modello che più si addice alle proprie esigenze.

Ciò non toglie che una TOP farebbe luce su molti aspetti che magari un utente medio trascura e non conosce, ma essendo questa una scelta molto personale, mi sento di consigliare qualche marca che vale la pena citare.

La marca che mi sento di consigliare come al solito è l’Ableton, un’ottima marca che ho già citato in un altro articolo che parlava però dei controller MIDI.

Ecco tutti i prodotti Ableton: Mixer Ableton

Ma ovviamente esistono moltissime marche sul mercato, come la conosciutissima Pioneer, specializzata proprio in hardware dedicato alla registrazione audio, appunto mixer da dj, cuffie da dj ecc. poi ovviamente, come detto prima, la scelta ricade sulla marca che più soddisfa le richieste dell’utente.

Ecco tutti i prodotti Pioneer: Pioneer Mixer

Detto questo, credo che adesso ti sia più chiara la scelta che devi fare poiché le basi sul funzionamento e sullo scopo del sopracitato mixer le ho elencate e spiegate nel dettaglio.

Ora tocca a te!

Il consiglio che mi va di farti è quello di scegliere con attenzione il prodotto che vai ad acquistare, e non basarti solo ed esclusivamente sul suo prezzo, poiché abbiamo visto che esistono molte soluzioni diverse con costi diversi, ovviamente!

Beh, che altro dire..

Buon Recording!

Un pensiero riguardo “Il Mixer Audio…Cos’è, a cosa serve e quale scegliere?

Lascia un commento